• Via casalino, 1 BERGAMO 24121
  • 035214195
  • studiolegale@fmslex.com
Violazioni del regolamento di condominio: sanzioni salate ai condomini trasgressori
26 aprile 2017 - 7:39, by , in Condominio, risarcimento danni, No comments

A seguito della riforma dell’articolo 70 delle disposizioni per l’attuazione del codice civile operata dalla riforma del 2012 è prevista una sanzione pecuniaria di importo fino a 200 euro (che possono diventare anche 800 nel caso di recidiva), la quale può essere comminata in caso di infrazione del regolamento condominiale da parte dei condomini.

La somma così incassata andrà devoluta al fondo di cui dispone l’amministratore di condominio per far fronte alle spese di ordinaria gestione.

Per quanto riguarda la natura della sanzione di cui si sta parlando, essa è una pena privata che deve  pertanto essere pattuita dall’assemblea e inserita già all’interno del regolamento condominiale al momento della violazione, non potendo altrimenti essere applicata.

Alla luce di quanto sopra, si deduce che tale norma ha carattere eccezionale e si applica ai soli condomini, ed altro non è che una forma di risarcimento del danno per violazione degli obblighi assunti per l’utilizzo dei beni comuni.

La sua previsione pertanto, oltre ad avere un valore deterrente, permette di limitare le liti condominiali aventi ad oggetto le cose comuni riducendo l’eventuale contenzioso.

Nel momento in cui sussiste una violazione del regolamento condominiale e quest’ultimo contenga la previsione della possibilità di applicare la sanzione, spetta all’assemblea, con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno la metà del valore millesimale dell’edificio, comminare la sanzione al trasgressore.